100 anni dall'Impresa di Fiume di D'Annunzio: Provocazione de Gli Idraulici

100 anni dall'Impresa di Fiume di D'Annunzio: Provocazione de Gli Idraulici 100 anni dall'Impresa di Fiume di D'Annunzio: Provocazione de Gli Idraulici
Foto: Pixsell Foto: Pixsell
Foto: Pixsell Foto: Pixsell

Foto: Pixsell

Comparsa ieri sera dinanzi al Palazzo del Governo a Fiume una bandiera del Regno d'Italia. Ad esporla sono stati 7 appartenenti al misterioso gruppo de "Gli idraulici" che hanno postato una foto sulle reti social.

La notizia e' stata ripresa stamani da vari media nazionali e anche italiani. Da una ricerca effettuata su Internet siamo venuti a conoscenza che "Gli Idraulici" non hanno un partito politico di riferimento. Sono combattenti, non omologati ne' omologabili, si legge sul web. 

Il vessillo del Regno d'Italia e' stato esposto ieri sera dinanzi alla sede del Museo di storia e marineria del Litorale croato, alla vigilia del centenario dell'Impresa fiumana di D'Annunzio. La polizia l'ha rimosso questa mattina, prima dell'arrivo dei dipendenti dell'ente. Inoltre le forze dell'ordine hanno trovato anche dei volantini. Non e' dato sapere, pero', cosa c'era scritto su quest'ultimi. Agenti di polizia stamani dinanzi al Palazzo del Governo hanno fermato due cittadini italiani di rispettivamente 19 e 20 anni in possesso di una bandiera di piccole dimensioni del Regno d'Italia. Entrambi sono stati trasferiti nella sede della questura fiumana e multati per disturbo della quiete pubblica. Proseguono le indagini della polizia.  

L'esposizione della bandiera del Regno d'Italia dinanzi al Palazzo del Governo a Fiume da parte del gruppo "Gli Idraulici" e' una provocazione arrivata nel giorno in cui ricorre il centenario dell'Impresa di Fiume di Gabriele D'Annunzio, lo ha dichiarato il sindaco di Fiume Vojko Obersnel secondo il quale d'Annunzio e' stato un personaggio che portava avanti una politica sciovinista. Per me questo non e' altro che fascismo, ha concluso Obersnel. 

In occasione del centenario dell'ingresso a Fiume di Gabriele D'Annunzio e dei suoi legionari, a Trieste oggi e' stata scoperta la statua dedicata al Vate. E' stata collocata in Piazza della Borsa. E' opera di Alessandro Verdi ed e' intitolata "Il solitario studioso". Raffigura D'Annunzio seduto su una panchina, intento a leggere e con una mano poggiante su una pila di libri.

Il Ministero croato degli affari esteri ed europei ha condannato duramente la statua a D'Annunzio scoperta oggi a Trieste. Come rilevato nella nota del dicastero, la cerimonia svoltasi a Trieste e' stata promossa dalle autorita' locali e non da quelle statali come pure la celebrazione in varie citta' italiane del centesimo anniversario dell'occupazione di Fiume da parte di D'Annunzio e dei suoi legionari. Atteggiamenti del genere non fanno altro che danneggiare i rapporti d'amicizia e di buon vicinato tra Croazia e Italia, si legge nel comunicato. Il Ministero croato degli affari esteri ed europei ha consegnato oggi all'ambasciatore d'Italia a Zagabria una nota di protesta. 

Fiume e' stata e continua ad essere orgogliosamente parte della Croazia. La statua scoperta oggi a Trieste esalta l'irredentismo e l'occupazione. Cio' e' inammissibile. Lo scritto su Twitter la presidente della Repubblica Kolinda Grabar Kitarović.   

La presidente della Comunita' degli Italiani di Fiume ha condannato duramente quando compiuto da "Gli idraulici". La collega Selina Sciucca e' stata oggi a Trieste dove ha raccolto le dichiarazioni delle autorita' locali. Sentiamo dapprima il sindaco triestino Roberto di Piazza e poi l'assessore alla cultura Giorgio Rossi:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Melita Sciucca, presidente della Comunita' degli Italiani di Fiume, a cura di Virna Baraba

Roberto di Piazza, sindaco di Trieste, a cura di Selina Sciucca

Giorgio Rossi, assessore alla cultura di Trieste, a cura di Selina Sciucca

Komentari