La Croazia si e' piazzata nella finale dei Mondiali di calcio

La Croazia si e' piazzata nella finale dei Mondiali di calcio La Croazia si e' piazzata nella finale dei Mondiali di calcio
Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka
Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka
Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka

Foto: Iva Črnjar Ivančan / HRT Radio Rijeka

Superando in rimonta l'Inghilterra per 2 - 1, ieri sera allo stadio Lužnjiki di Mosca, la Croazia si e' piazzata nella finale dei Mondiali, scrivendo la pagina piu' bella della sua storia calcistica.

La Croazia ha ragalato cosi' emozioni fortissime alle migliaia di tifosi presenti nello stadio moscovita e ai tantissimi sostenitori nel paese e all'estero.  

Come gia' accaduto con Danimarca e Russia, la nazionale di Zlatko Dalić e' andata in svantaggio per 1 - 0, con rete segnata su punizione da Trippier al 5'. I giocatori con la maglia a scacchi non si sono pero' persi d'animo, dimostrando una compattezza unica, una forza psicologica e soprattutto una grande forma fisica, sprigionatasi nel secondo tempo - quando c'e' stato il pareggio di Perišić - e nei tempi supplementari, quando la Croazia e' passata a condurre grazie alla rete del mai domo Mandžukić.

Nella finale di domenica a Mosca (inizio ore 17) la selezione biancorossa affrontera' la Francia, mentre il giorno prima, nella finalina di San Pietroburgo (ore 16), giocheranno Belgio e Inghilterra.

I croati hanno dunque infranto il sogno degli inglesi, come al solito un po' boriosi alla vigilia della semifinale, convinti (sia squadra che tifosi) di poter superare la Croazia, che invece ha dimostrato di essere piu' squadra, di avere maggiori qualita'.

Anche ieri sera, come gia' avvenuto nelle ultime settimane, le gesta di Modrić e compagni hanno scatenato l'entusiasmo generale in Croazia, con la gente pazza di gioia per la prima finale mondiale della loro squadra. Si e' festeggiato, ballato, cantato a lungo anche a Fiume e dintorni, con caroselli d'auto imbandierate, clacson a distesa.

Domenica dunque la finale allo stadio Lužnjiki contro i francesi, con Dalić che e' stato chiaro: "Non possiamo fermarci proprio ora, vogliamo diventare campioni del mondo". 

Komentari