Hrvatski radio

Radio Rijeka

16:16 / 04.11.2017.

Autor: Andrea Marsanich

Bilinguismo a Fiume: un valore aggiunto, un atto di civilta' e cultura

HRT logo

HRT logo

Foto: HRT / HRT

Introduzione del bilinguismo visivo nel centro citta' di Fiume: un valore aggiunto per il capoluogo quarnerino, un atto di civilta' e cultura, non politico, che dovrebbe essere condiviso da tutti gli abitanti della citta' e non solo dalla Comunita' italiana autoctona.

E' questo il sunto della tavola rotonda sul bilinguismo visivo in citta', appuntamento promosso dal partito Lista per Fiume e tenutosi davanti ad un folto pubblico nel Salone delle Feste della Comunita' degli Italiani di Fiume.

L'iniziativa partita dal citato schieramento e che di recente ha ottenuto il sostegno dell'Assemblea dell'Unione Italiana, e' stata trattata dal sindaco di Fiume, Vojko Obersnel, da Furio Radin, vicepresidente del Sabor e presidente dell'Unione Italiana, dall'europarlamentare Ivan Jakovčić, dalla presidente del predetto sodalizio, Orietta Marot, dai giornalisti Silvije Tomašević ed Ezio Giuricin, dal presidente di Lista per Fiume, Danko Švorinić e infine dall'esponente della minoranza serba a Fiume, Jovica Radmanović.

Il sindaco Obersnel ha detto di non avere nulla in contrario alla sistemazione di tabelle bilingui, in croato e italiano, per vie, piazze e altri siti, esprimendo invece la propria contrarieta' alla tabella Rijeka - Fiume all'entrata in citta'. Tutti gli altri partecipanti al dibattito, come pure alcuni astanti, hanno sostenuto la necessita' di reintrodurre il bilinguismo visivo nel centro di Fiume, brutalmente cancellato nel 1953, atto che sarebbe bene sia portato a termine entro il 2020, anno in cui Fiume diventera' la capitale europea della Cultura.

La tavola rotonda, che ha avuto per moderatori Laura Marchig e Sandi Basić, ha rappresentato (questa la conclusione generale) il primo passo verso il raggiungimento di un traguardo, definito pure un atto di coraggio, che va sancito dal Consiglio municipale di Fiume, citta' che fa del multiculturalismo e della convivenza le sue caratteristiche principali.

Ecco quanto dichiarato dall'europarlamentare Ivan Jakovčić e dal vicepresidente del Sabor e presidente dell'Unione Italiana, Furio Radin: