Hrvatski radio

Radio Rijeka

Casa Betty per gli Italiani di Draga di Moschiena

03.02.2014.

16:07

Autor: Andrea Marsanich / VIrna Baraba

HRT logo

HRT logo

Foto: HRT / HRT

Quella di venerdi' scorso restera' una giornata storica per i connazionali di Draga di Moschiena, che finalmente (e dopo 18 anni di attivita') hanno ricevuto una sede adeguata.

Si tratta di Casa Betty, ristrutturata grazie al contributo di quasi 190 mila euro, stanziati dal governo di Roma.

All' inaugurazione della nuova sede della Comunita' degli Italiani di Draga di Moschiena erano presenti ospiti importanti, che hanno sottolineato l' enorme significato di Casa Betty per gli italiani del posto e non solo per essi.

Tra le autorita' presenti il Console generale d'Italia a Fiume Renato Cianfarani, il presidente dell'Assemblea della Contea litoraneo-montana Erik Fabijanić, il vicepresidente della Regione istriana Giuseppina Rajko, il presidente dell'Unione Italiana Furio Radin, il presidente della Giunta UI Maurizio Tremul, il presidente e direttore generale dell'Universita' popolare di Trieste Silvio Delbello e Alessandro Rossit.

Casa Betty e' un edificio di quasi 95 metri quadrati dal quale si gode una vista stupenda sulla nota spiaggia Sipar. Nel seminterrato di Casa Betty e' stato ricavato uno spazio espositivo. Al pianoterra si trova il bar, al primo piano invece biblioteca, ufficio e sala riunioni.

Andrea Marsanich ha interpellato in merito il presidente del sodalizio, Riccardo Staraj e il sindaco di Draga di Moschiena, Ratko Salamon:

 

Programe Hrvatskoga radija slušajte na svojim pametnim telefonima i tabletima preko aplikacija za iOS, Android i Huawei.